pensieri negativi
/ / Pensieri negativi: come riconoscerli e lasciarli andare

Pensieri negativi: come riconoscerli e lasciarli andare

Ti capita di avere giornate nelle quali ti senti scarica, triste e ti pare che molte cose non stiano andando per il verso giusto?

Soprattutto in questo periodo di “ripartenza” dopo il lock down, ti accorgi di voler essere positiva e invece ti ritrovi a pensare al peggio?

Spesso durante le sessioni individuali in studio, quando chiedo alla persona che cosa pensa, la prima risposta è un ” non lo so ” oppure qualcosa di molto vago. Il più delle volte i miei clienti credono che il loro stato emotivo sia determinato da qualcosa che è accaduto loro durante il giorno e non pensano minimamente che i loro pensieri hanno un impatto sul loro umore.

Può accadere che la mente sia piena di pensieri negativi che girano senza sosta e finché non avrai il coraggio di dare loro attenzione non ti lasceranno e si divertiranno a fare il bello e il cattivo tempo dentro di te.

In questo articolo voglio aiutarti a fare luce sui tuoi cattivi pensieri e insegnarti semplici passi per trasformarli in affermazioni positive.

Pensieri negativi: puoi scegliere

La mente (razionale) è fatta per pensare per cui è impossibile impedirle di adempiere al suo compito ma se i pensieri sono ricorrenti, disfunzionali, non ti aiutano ad avere un’ immagine positiva di te stessa e stanno ostacolando il tuo desiderio di cambiare e crescere, allora è arrivato il momento di intervenire.

Lettura consigliata: Migliorare l’autostima: 3 modi per farlo

Una cosa importante che devi sapere è che i pensieri sono sotto il tuo controllo ed è un tuo diritto arricchire la tua mente di pensieri positivi, felici e ricchi di possibilità.

Uno strumento fondamentale che insegno a chiunque vuole iniziare un percorso è la zona di potere, quella zona nella quale tu hai il pieno controllo e puoi imparare a scegliere quali pensieri nutrire, così pure quali emozioni provare, quali parole usare con te stessa e come rispondere ad un evento.

Muoverti nella tua vita mettendo in pratica la tua zona di potere ti aiuterà a smettere di sentirti vittima o controllata dagli altri e portare con te solo le tue responsabilità e non quelle di tutti.

Pensieri negativi: come riconoscerli

Essere mamma è un ruolo molto importante ed è altrettanto fondamentale che tu ti alleni a fare un check dei tuoi pensieri, un pò come quando fai il cambio dell’armadio, sai perché? Perché tuo figlio, soprattutto i primi anni, ti imita in tutto e in più è una spugna che percepisce i tuoi pensieri e stati d’animo e se gran parte della tua giornata la trascorri avendo cattivi pensieri, stai pur certa che lui lo sente.

In più quando i pensieri negativi iniziano ad essere ricorrenti sono fonte di stress, ansia e spesso anche depressione per cui portarli a consapevolezza è davvero importante.

Quindi come fare per riconoscere i tuoi pensieri?

1. Ascolta il tuo dialogo interno

Se ti accorgi di essere triste, apatica e scontenta, fermati un attimo e fai un bel respiro. Sai, dentro di noi, anche se non ce ne rendiamo conto, c’è una radio sempre accesa, è il nostro dialogo interno che parla continuamente, valuta, dà giudizi, fa supposizioni.

Prendi carta e penna e inizia a segnare sul tuo quaderno i pensieri che emergono, qualsiasi essi siano. Lascia che vengano a galla, solo così potrai cambiarli. Ti prego di evitare qualsiasi giudizio perché paradossalmente fino ad ora in qualche modo ti sono stati di aiuto.

Accettare se stessi e i propri pensieri, è un passo fondamentale per crescere.

Lettura consigliata: Cambiare idea per vivere meglio

2. Fatti domande utili

Una volta che hai fatto emergere i pensieri e ora che sai che tu puoi decidere di nutrire la tua mente con pensieri positivi chiediti:

  • Fino ad esso nutrendo questi pensieri ho ottenuto il risultato che volevo?
  • Sono pensieri che mi aiutano oppure mi tolgono energia?
  • Cosa succede se continuo a nutrirli?
  • Devo per forza pensare in questo modo oppure posso darmi il permesso di cambiarli?

Anche in questo caso prendi carta e penna e rispondi alle domande.

3. Datti il permesso di cambiare i pensieri

E’ arrivato il momento di creare nuovi pensieri più felici, più funzionali e in linea con ciò che vuoi raggiungere. Nessuno può impedirti di farlo se non tu.

Quindi inizia a creare delle frasi semplici, espresse in positivo (in pratica non devono contenere il NON) che se ripetute diventeranno il tuo nuovo dialogo interiore.

Ti faccio degli esempi:

  • non sto bene diventa ” sono in salute
  • sono sempre stanca diventa “ogni giorno ho sempre più energia
  • nessuno mi aiuta diventa ” ogni giorno chiedo aiuto facilmente
  • non sono abbastanza brava diventa ” sto imparando giorno dopo giorno a fare…..”
  • non me lo merito diventa ” me lo merito
  • etc…

Metti su carta le tue nuove affermazioni positive, non esagerare con l’enfasi perché altrimenti il tuo inconscio non ci crederà, fa che siano in linea con il tuo cambiamento e leggile più volte al giorno.

Metti un post-it sul frigo, appiccicalo al cellulare, in macchina sul cruscotto, sullo specchio del bagno così appena ti svegli al mattino puoi leggerle e ripeterle più volte.

4. Fai una piccola azione

Per quanto le nuove affermazioni possono aiutarti, da sole potrebbero non bastare, per cui è bene far seguire ad ogni nuovo pensiero positivo che sceglierai di nutrire, una piccola azione che lo convalidi.

Ad esempio se il pensiero che vuoi far diventare tuo è ” sono in salute ” fai ogni giorno una piccola azione che dimostri che ci tieni alla tua salute (una passeggiata di 10 minuti, inizia a togliere un alimento che sai che ti dà fastidio oppure prendi un appuntamento da uno specialista per dedicarti al tuo mal di schiena che fino ad ora hai trascurato ) .

Sono piccole azioni che se compiute ogni giorno ti aiuteranno ad integrare meglio i tuoi nuovi pensieri positivi.

Lettura consigliata: Stanchezza mentale: 3 consigli per prevenirla

Pensieri negativi: smetti di combatterli

Nella mia esperienza personale spesso ho combattuto con i pensieri negativi che ho ereditato dalla mia famiglia di origine, dall’ambiente scolastico e dalla società. Onestamente il più delle volte ho ottenuto ben poco se non che si presentavano sempre più forti.

Così ho iniziato a dedicarmi ad attività che mi hanno aiutato a calmare la mente, ho imparato a prendermi momenti per me e rilassarmi.

Quando ti rilassi e inizi a portare la tua attenzione dentro di te, inizi a scoprirti e anche se i pensieri ci sono sempre, c’è più distanza tra uno e l’altro e l’impatto emotivo che hanno è sicuramente diverso.

Ora non ti resta che mettere in pratica e se vuoi davvero imparare a diventare la tua migliore amica, scarica la guida qui sotto.

35 Condivisioni

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *